Heliswiss

1955 - Gli elicotteri Bell 47G HB-XAE e HB-XAK
1957 - L'Agusta-Bell 47G2 HB-XAO al lavoro in Valle Bavona
1963 - L'Agusta-Bell 204B HB-XBO impegnato nel trasporto di materiale
1965 - L'Agusta-Bell 47G3B-1 HB-XBZ
1970 - Trasporto di ghiaia con l'Agusta-Bell 206A Jet Ranger HB-XCT
1972 - Entra in servizio il Sikorsky S-58T HB-XDT
1975 - L'HB-XFE è uno dei primi Lama in servizio con la Heliswiss
1981 - Entra in servizio l'AS 350B Ecureuil HB-XMA
1990 - La Heliswiss inizia i test con l'elicottero russo Kamov KA-32T

Inizialmente conosciuta come “Schweizerische Helikopter AG” la Heliswiss AG è la decana delle aziende svizzere di elitrasporto. E' stata fondata a Berna il 17 aprile 1953 da un gruppo di imprenditori che ritenevano indispensabile sviluppare anche in Svizzera un servizio di trasporti aerei con elicotteri. L'investimento iniziale di 350'000.- Frs. fu possibile grazie all'aiuto finanziario della Confederazione, di vari Cantoni e città importanti, nonché grosse aziende private e pubbliche come ad esempio FFS, PTT, Swissair e ATEL.
Preceduta solamente dalla Air Import (che aveva immatricolato il primo elicottero civile in Svizzera nell'estate del 1949) la compagnia bernese stabilì la sua base operativa principale all'aeroporto di Berna-Belp.
Il primo elicottero impiegato dalla neo-costituita azienda di elitrasporto fu il Bell 47G HB-XAG che giunse a Berna il 9 ottobre 1953. Purtroppo l'inizio d'attività fu funestato poche settimane dopo da un gravissimo incidente nel quale il pilota Raymond Gerber e i due passeggeri persero la vita. L'apparecchio urtò i cavi di una linea elettrica mentre sorvolava a bassa quota il fiume Aar.
Nonostante il durissimo colpo la compagnia portò avanti il suo progetto ed acquistò un nuovo Bell 47G (HB-XAE) che arrivò a Berna il 27 febbraio 1954. Nel frattempo Leonard (Leo) Kunz venne assunto come pilota. Dopo una stagione tutto sommato positiva, nel corso della quale l'elicottero effettuò 4'500 voli totalizzando 406 ore di volo, la Heliswiss ordinò un altro apparecchio analogo (HB-XAK). Nel corso dell'inverno 1954/55 Alfred Glauser fu istruito da Kunz e venne poi ingaggiato come pilota.
Nel 1956 la Air Import venne assorbita dalla Heliswiss. Tutti erano dell'opinione che una sola compagnia di elicotteri sarebbe bastata a far fronte ai bisogni nazionali. Quest'ultima assunse perciò i piloti della Air Import ed il parco elicotteri, composto essenzialmente da Bell 47G e G2, venne gradualmente ingrandito. Gli apparecchi vennero impiegati con successo per il trasporto di materiale in montagna.
I costi d'esercizio erano però alti e così ogni anno la sopravvivenza della compagnia (la cui attività era considerata d'interesse nazionale) era seriamente messa a rischio.
Nel 1962 l'azienda scelse di dotarsi di apparecchi con una capacità di carico maggiore e a partire dal 1963, grazie a sovvenzioni versate dalla Confederazione, vennero messi in servizio i primi due elicotteri a turbina Agusta-Bell 204B (HB-XBN e HB-XBO). Questi apparecchi potevano trasportare fino a 9 passeggeri oppure un carico sospeso di 1'000 kg, che era quattro volte maggiore di quello trasportato dai Bell 47G2.
L'anno successivo l'HB-XBN andò purtroppo distrutto in un grave incidente che costò la vita al pilota.
Nel corso degli anni il notevole incremento dell'attività portò all'apertura di nuove basi a Samedan, Ascona, Losanna, Riddes, Gruyère, Domat-Ems, Erstfeld, e altre ancora (parte delle quali sono nel frattempo state chiuse). La decentralizzazione degli elicotteri comportò una notevole riduzione dei costi. Anche la Guardia aerea svizzera di soccorso (GASS) trasse considerevoli vantaggi da questa scelta. Il principio della decentralizzazione venne esteso oltre i confini nazionali. L'azienda aprì infatti una succursale a Salisburgo (Austria) che chiamò Heliaustria e iniziò a collaborare con altre aziende del settore.
Alla fine degli anni '60 la Heliswiss era ormai diventata una delle principali compagnie di elicotteri europee. Disponeva infatti della seguente flotta di apparecchi: 1 Bell 47G2, 4 (Agusta-)Bell 47G3B-1, 1 Bell 47J Ranger, 3 Agusta-Bell 204B, e 2 Bell 206A Jet Ranger, il primo dei quali fu acquistato nell'agosto del 1968. Questo moderno apparecchio a turbina si rivelò molto adatto ai bisogni della compagnia e sostituì gradualmente i Bell 47. In quegli anni, come peraltro era già avvenuto in precedenza, una parte considerevole dell'attività era svolta all'estero. Gli elicotteri con la bandiera rossocrociata volavano nei caldi deserti africani, tra i ghiacci della Groenlandia e in Sudamerica, soprattutto in Suriname (Guyana Olandese). Per garantire il normale svolgimento di tutte le operazioni la Heliswiss si dotò di un efficiente servizio tecnico, poi offerto (e sempre molto apprezzato) anche agli altri operatori.
A partire dal 1969 alcuni piloti insieme ai loro equipaggi si specializzarono nel montaggio aereo di piloni, antenne, tralicci e linee aeree. Questo genere di servizio è tutt'ora un fiore all'occhiello di questa compagnia e una dimostrazione di grande efficienza e precisione. Nell'aprile del 1972 entrò in servizio il Sikorsky S-58T HB-XDT che con una capacità di carico di 2'000-2'200 kg era all'epoca il più potente in Svizzera.
A partire dalla prima metà degli anni '70 iniziarono a prestare servizio i primi SA 315B Lama, apparecchi molto apprezzati per la loro grande riserva di potenza. Un nuovo balzo in avanti fu compiuto quando venne messo in servizio il Bell 214B-1 Big Lifter che poteva sollevare un carico esterno di 3'000 kg oppure trasportare fino a 15 passeggeri nella sua spaziosa cabina.
Un altro apparecchio utilizzato con successo dalla Heliswiss è l'AS 350 Ecureuil, il primo dei quali è entrato in servizio nell'aprile 1981 nella versione AS 350B (HB-XMA). La versione più recente di questo apparecchio ha lentamente sostituito nel corso degli ultimi anni l'SA 315B Lama. Tra gli elicotteri medi da trasporto impiegati dalla società vi sono stati alcuni Bell 205A-1, Bell 412 e Bell 212.
A partire dal 1990 la Heliswiss ha impiegato (dapprima sperimentalmente) l'elicottero russo Kamov KA-32, una gru aerea capace di sollevare un carico sospeso fino a 5'000 kg. Conclusa con successo la fase di test ha poi acquistato questo apparecchio immatricolato HB-XKE. Oggi ne possiede due che sono gestiti dalla Heliswiss International AG.
La compagnia bernese opera internazionalmente con una flotta di apparecchi aventi una capacità di carico variabile tre i 300 e i 5'000 kg.
Dal 1. luglio 2012 la Heliswiss insieme ad Air Grischa, Bohag, Eliticino, Heli Gotthard e Rhein Heli, è stata inglobata nella nuova società di elitrasporto Swiss Helicopter che ha la propria sede principale a Coira/GR e dispone complessivamente di una flotta di 40 elicotteri dislocati in 14 basi in tutta la Svizzera. Dopo questo riorientamento la Swiss Helicopter è diventata la più grande società commerciale di elitrasporto elvetica.

HAB 01/2013