Berger Heidi

E' stata la prima donna in Svizzera (e forse la più giovane all'epoca in Europa) ad ottenere la licenza di pilota commerciale d'elicottero. Nata il 1° dicembre 1941 a San Gallo Heidi è figlia di Hans Berger (1912-1994), un inventore e costruttore stabilitosi alla fine degli anni Sessanta in Ticino, cantone dov'era assai conosciuto.
Heidi iniziò molto presto la sua carriera di pilota dal momento che già a 6 anni si trovava al volante di una mini-automobile mossa da un motore a reazione costruita dal padre! Poco prima del compimento del suo diciottesimo compleanno sull'aeroporto di Stoccarda ottenne la licenza di pilota privato d'aeroplano ai comandi di un Junkers A50 Junior. In seguito volò con altri apparecchi come il Piper J-3 Cub, il Bücker Bü 131 Jungmann o il Jodel D.9 Bébé. Con questo aeroplano effettuò anche un atterraggio d'emergenza in seguito ad un guasto al motore, conclusosi fortunatamente con soli danni materiali. Quella brutta esperienza sfortunatamente la vivrà nuovamente qualche anno più tardi ai comandi di un elicottero utilizzato per riprese fotografiche.
Il 2 marzo 1961 ottenne a Norimberga la licenza germanica di pilota privato d'elicottero dopodiché rientrò in Svizzera.
L'11 luglio 1961 sul campo d'aviazione di Speck-Fehraltdorf/ZH superò l'esame di volo ottenendo la licenza svizzera di pilota privato d'elicottero n° 56.
I media parlarono di lei dopo la sua traversata delle Alpi effettuata il 25 agosto 1961 ai comandi del piccolo elicottero biposto Brantly B-2 HB-XAZ. Partita dall'aeroporto di Speck-Fehraltdorf accompagnata da un passeggero atterrò a Samedan/GR.
 

Il 20 dicembre ottenne il brevetto commerciale svizzero di pilota d'elicottero nr. 56, dopodiché iniziò a volare professionalmente per conto della Scania SA - Air Photo, una ditta che effettuava fotografie aeree servendosi principalmente di un Brantly B-2.
Il 28 gennaio 1967, dopo aver seguito un corso di pilotaggio presso la Heliswiss, Heidi ottenne l'estensione per effettuare atterraggi in montagna.

Il 21 giugno successivo grazie ad un eccezionale accordo con l'US Army, ebbe invece l'incredibile occasione di volare come co-pilota a bordo di un apparecchio Bell AH-1 Huey Cobra brevemente stazionato in Svizzera per una valutazione da parte dell'esercito.
Dopo essere stata assunta della Heliswiss ebbe modo di volare con nuovi apparecchi tra i quali anche il Bell 206 Jet Ranger.
A bordo degli elicotteri Brantly B-2, Hughes 300, Bell 47 e Bell 206 Jet Ranger accumulò oltre 2'500 ore di volo dopodiché decise all'improvviso di ritirarsi definitivamente dall'attività di volo.

HAB 01/2018